IOT data analytics: come valorizzare i dati aziendali

Futuro Big data e IoT

Quando si fa riferimento ai Big Data non si intende solamente una grandissima mole di dati, ma anche alle fonti in grado di raccogliere tali dati, sempre più eterogenee. Non esiste solamente una tipologia di Big Data, e in realtà le categorie sono in aumento. Tra queste troviamo ad esempio quella legata al mondo dell’IoT.

In questo caso si tratta di informazioni provenienti da una serie di dispositivi connessi, in grado di rappresentare una grande opportunità di crescita per aziende e organizzazioni nel momento in cui si comprende come valorizzare i dati aziendali.

Come sfruttare i dispositivi IoT per valorizzare i dati aziendali

Definire le modalità con cui i dati aziendali vengono valorizzati è un tema che negli ultimi anni ha assunto una rilevanza fondamentale per moltissime organizzazioni. I Big Data non sono più solamente delle semplici informazioni, ma possono essere equiparati in tutto e per tutto ad una “merce” dal valore inestimabile. Decidere di non sfruttare questa opportunità, significa anche rinunciare ai potenziali profitti che ne possono derivare.

Le nuove tecnologie IoT consentono connessioni veloci e intelligenti tra i vari dispositivi, e se correttamente utilizzate possono contribuire notevolmente in questa missione, ovvero quella di sfruttare l’enorme potenziale dei Big Data. Evolvere tali dispositivi rendendoli adeguati alle tecnologie IT, significa di fatto “costruire” un computer potentissimo interconnesso, in grado di contenere tutte le informazioni della sua rete.

Tra i principali vantaggi di una corretta valorizzazione dei dati aziendali, alcuni sono di grandissima importanza, tra cui:

  • l’ottimizzazione dei processi,
  • la personalizzazione del prodotto o del servizio offerto, o un’eventuale nuova generazione dello stesso,
  • la monetizzazione “diretta” dei dati, e la possibilità di un corretto advertising.

Parliamo di elementi fondamentali per far competere le aziende nel mercato odierno.

Come valorizzare i dati IoT

Come accennato in precedenza, secondo alcuni studi esistono cinque differenti metodologie che consentono una valorizzazione dei dati provenienti dall’IoT. Vediamole insieme nel dettaglio:

  • Ottimizzazione dei processi. L’analisi dei Big Data permette il corretto funzionamento di un impianto, ma soprattutto una corretta previsione delle potenziali criticità. Facendo un esempio concreto, possiamo dire che tale analisi consente di risolvere efficacemente guasti e problemi ancora prima che possano verificarsi, così da evitare possa bloccarsi la produzione. Esistono software appositamente creati infatti, che permettono di effettuare la raccogliere dati direttamente dai macchinari di produzione. In questo modo è possibile sapere in real time dove e come intervenire, andando magari anche a pianificare la manutenzione di tali macchine.
  • Creazione di nuovi prodotti e servizi. Quella della possibile creazione di nuovi prodotti e servizi è oggettivamente una delle opportunità più importanti date dalla valorizzazione dei dati aziendali. Per quanto concerne i prodotti, appositi sensori sono in grado di monitorarne con attenzione il loro funzionamento e le abitudini di utilizzo. In merito ai servizi invece, grazie ai dispositivi IoT e ai Big Data è possibile valorizzare maggiormente le funzioni più richieste. In altre parole, tutta questa mole di informazioni permette lo sviluppo di nuove generazioni di prodotti e di servizi a seconda di quelli che sono i comportamenti legati all’uso degli stessi. Un esempio concreto è dato dalle applicazioni, che in alcuni casi hanno il potere di adattarsi all’utilizzo fatto dagli utenti, e soprattutto di perfezionarsi andando ad implementare nuove funzionalità, o trascurandone delle altre.
  • Personalizzazione. Analizzando e interpretando la mole di informazioni provenienti dall’IoT è possibile comprendere pienamente le esigenze dei clienti. Questo consente all’azienda di modellare offerte mirate e personalizzate in maniera efficace, basate magari sulle abitudini di consumo della clientela stessa. Inutile sottolineare come questo conduca alla sua fidelizzazione.
  • Monetizzazione dei dati. I dati rappresentano la merce di scambio del futuro, il business del futuro, un prodotto dall’inestimabile valore. Già nel presente è possibile trarne un profitto semplicemente rivendendoli a soggetti esterni. Gli esempi in tal senso sono infiniti. Basti pensare a dei sensori IoT posizionati in un parcheggio privato in grado di raccogliere ed estrapolare quelle che sono le tendenze legate alle soste (orari di punta, numero di auto, preferenze tra soste private e pubbliche, e molto altro ancora).
  • Advertising e-commmerce. Studiare i dati raccolti consente di creare campagne di sponsorizzazione altamente targettizzate. Nel contesto di un e-commerce ad esempio, il potenziale cliente può rilevare le proprie preferenze profilate mediante l’incrocio tra gli oggetti delle ricerche e lo storico degli acquisti passati.
gestione informazioni IOT

A cosa serve l’IoT nell’ambito di un sistema ERP

Letteralmente ERP significa “Enterprise Resource Planning”, ovvero pianificazione di quelle che sono le risorse d’impresa. Parliamo di un sistema di gestione in grado di integrare tutti i processi di business di un’azienda, dalle vendite agli acquisti, passando per la contabilità e la gestione di magazzino. Un sistema ERP consente di canalizzare le informazioni interne all’azienda in un flusso continuo.

Si tratta di una mole di dati accessibili da chiunque abbia le credenziali per potervi accedere, al fine di coordinare i processi decisionali, ma soprattutto che l’organizzazione dei reparti rimanga in compartimenti stagni. Un sistema ERP dunque, rappresenta la spina dorsale dell’azienda, perché permette di gestire e controllare tutti i principali processi aziendali sul quale definire la politica futura del business.

Ogni tecnologia ha un suo valore più o meno grande, ma molto spesso è la loro integrazione che permette di sfruttarne efficacemente le potenzialità. È questo il caso dei software ERP in accoppiata con i dispositivi IoT. Tale abbinamento permette un approccio davvero molto potente per quanto concerne il collegamento degli impianti di produzione ai sistemi informativi.

IoT: l’impatto sulle funzionalità di un sistema ERP

Ci sono alcune funzionalità precise degli ERP che si prestano particolarmente ad essere integrate con le tecnologie IoT, tra cui:

  • Gestione progetti.
  • Manutenzione degli impianti.
  • Controllo di produzione.
  • Gestione delle vendite.
  • Gestione dei magazzini.
  • Controllo della distribuzione.

Le funzionalità elencate consentono di intervenire sui processi in maniera diretta, permettendo di collegare le informazioni raccolte a quella che è la logica di sistema. Gli ambiti di applicazione sono numerosi, ma tra i principali possiamo citare la pianificazione delle scorte, la vendita al dettaglio, la logistica, la gestione del parco veicoli, ed altre ancora.

Per comprendere ulteriormente le potenzialità che derivano da questa accoppiata, basti pensare che alcune imprese non acquistano veicoli e macchinari ma basano il loro business sul noleggio. In ognuno di questi due casi è necessario conoscere in maniera approfondita lo stato delle attrezzature, condizione fondamentale per un miglioramento effettivo dell’efficienza e per la riduzione degli sprechi.

Adottare tecnologie IoT permette di installare a bordo di camion, automobili, e veicoli in generale come gru, scavatrici, benne ed altri, una serie di sensori che permettono di definire in real time la locazione del mezzo, lo stato di conservazione dei suoi impianti, la velocità di avanzamento, e in alcuni casi persino il livello di usura effettivo delle componenti.

Un abbinamento di tutte queste informazioni con un sistema ERP dunque, consente una migliore pianificazione delle flotte, una schedulazione puntuale della manutenzione eventualmente differibile, ma anche di intervenire con tempestività in situazioni problematiche. Ovviamente quelli citati sono solamente degli esempi, ma le possibilità date dall’accoppiata dei sistemi ERP con i dispositivi IoT sono davvero infinite.

Big Data, IoT e sicurezza: la sfida del futuro

A questo punto saranno sicuramente chiare le potenzialità dei Big Data associate a quelle dei dispositivi IoT o sono chiari quali potrebbero essere i vantaggi dei Big Data per le imprese, soprattutto italiane.

Ovviamente il loro utilizzo comporta che le organizzazioni del futuro debbano affrontare una grande sfida, ovvero quella di garantire la sicurezza dei dati aziendali. Tale sicurezza dovrà essere rivolta sia verso l’interno che verso l’esterno dell’impresa:

  • Nel primo caso perché una serie di dati “corrotti” potrebbe portare al malfunzionamento delle linee di produzione.
  • Nel secondo caso, soprattutto quando i dati in questione riguardano i clienti, il livello di sicurezza deve essere tale da impedire l’accesso a soggetti esterni, quindi di evitare potenziali intromissioni illecite. Nella situazione inversa, le conseguenze potrebbero essere catastrofiche.

RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

Devi scegliere il software gestionale più adatto alle esigenze della tua azienda?

Noi di SELCO operiamo nel settore da oltre 35 anni e abbiamo vissuto in prima persona l’evoluzione tecnologica degli ultimi anni. Questa evoluzione ha portato le aziende a cercare un partner affidabile che potesse accompagnarle in questo percorso di crescita. Sul mercato esistono moltissime soluzioni “pronte all’uso” ma noi abbiamo scelto di specializzarci in ERP gestionali custom creati su misura per ogni cliente.

Evolvi la tua azienda verso nuovi livelli di efficienza, organizzazione, controllo di gestione e, di conseguenza, marginalità.

Chiamaci 011 2741027 o invia una richiesta, ti ricontatteremo il prima possibile.