Sicurezza informatica: come proteggere i dati aziendali

Sicurezza informatica proteggere i dati aziendali

Definire un piano per la sicurezza informatica per le aziende è fondamentale. Per questo motivo è necessario che le imprese vengano indirizzate correttamente sul percorso da seguire, così da creare una sensibilità sull’argomento ad ogni livello dell’organizzazione. Solo in questo modo sarà possibile far comprendere pienamente l’importanza di proteggere i dati aziendali, e quali sono le misure da adottare in tal senso.

L’importanza di proteggere i dati aziendali

Molto spesso la sensibilità sulle misure e le difese da adottare per proteggere i dati aziendali subentra solamente in seguito ad una o più violazioni del proprio sistema di difesa, ovvero quando oramai è troppo tardi. In particolar modo è tutto il tessuto delle piccole e medie imprese che ancora fatica a comprendere fino in fondo l’importanza di adottare un piano concreto che possa tutelare dai rischi che provengono dall’ambiente esterno.

Ovviamente il panorama include differenti frangenti, che partono dall’analisi delle minacce per arrivare alla scelta delle contromisure opportune e i controlli necessari da farsi. Parliamo dunque di uno scenario davvero molto ampio, che per poter essere “dominato” necessita di un bagaglio di competenze specifiche non indifferente. In loro assenza, il risultato può essere nullo o comunque irrilevante.

Tra l’altro parliamo di una tematica che ogni giorno che passa assume un ruolo sempre più determinante, in un momento in cui il nostro Paese sta finalmente affrontando l’inevitabile processo di Digital Transformation. In sintesi, più capillare diventa la diffusione delle nuove tecnologie, maggiore è il rischio che potenziali malintenzionati possano sfruttare delle lacune sulla loro sicurezza per il loro tornaconto personale.

La perdita e la protezione dei dati

Tra le casistiche più comuni in cui un’organizzazione può incorrere nella perdita dei dati, troviamo le seguenti tre:

  • Guasti dei dispositivi elettronici.
  • Furto delle apparecchiature.
  • Copia dei dati non autorizzata.

Le circostanze elencate si verificano molto più frequentemente di quello che si potrebbe pensare, motivo per cui farsi trovare impreparati può portare a conseguenze anche molto gravi. Nei casi estremi, anche al blocco delle attività, che conduce a sua volta ad una perdita di terreno rispetto ai principali competitors. Ad ogni modo, fermo restando che quando si parla di sicurezza è sempre importante fare affidamento ad un partner qualificato, ci sono alcune misure che è possibile adottare autonomamente, tra cui:

  • Cambiare spesso la password. Per alcuni punti di vista, la vita di un’impresa gira intorno ad una password. Sicuramente questa rappresenta una valida misura di sicurezza, ma in alcuni casi può diventare un problema se non viene mai cambiata. Il cambio periodico di qualunque password dunque, è di fondamentale importanza.
  • Automatizzazione dei backup. Quando si parla di dati l’errore umano rappresenta una delle minacce più grandi. Con questo presupposto, i backup dei dati, pratica fondamentale da non trascurare mai in nessuna organizzazione, devono essere automatizzati. Nella stessa maniera devono essere effettuati anche dei controlli periodici su tali backup, per assicurarsi che siano utilizzabili nel caso se ne presentasse l’esigenza.
  • Salvare i backup in doppia destinazione. Quando si parla di tecnologia, i problemi possono presentarsi per qualsiasi apparecchiatura, compreso il sistema destinato al salvataggio dei backup. Per questo motivo è opportuno prendere l’abitudine di adibire una doppia destinazione a questo scopo. La logica in questo caso prevede che una sia locale, quindi presente in azienda sotto forma di server, mentre la seconda remota. Nel secondo caso una buona idea consiste nell’affidarsi ad un fornitore esterno.

La sicurezza dei dati passa dalla formazione delle risorse

In qualsiasi contesto lavorativo una risorsa non formata adeguatamente rappresenta un segno di inefficienza. Questo concetto è maggiormente valido anche in ambito sicurezza aziendale, dove può rappresentare un pericolo e condurre verso la perdita dei dati. La formazione delle risorse interne è quindi fondamentale, così da renderle istruite su quali sono quelle azioni da compiere per una corretta protezione dei dati aziendali.

Quando si parla di formazione si fa riferimento ad almeno 3 ambiti operativi, dove si acquisiranno competenze per:

  • Evitare le minacce e le insidie principali del Web.
  • Gestire in maniera sicura le password.
  • Fare copie/backup dei file o dei documenti sui cui si sta lavorando.

Una volta fornite le basi formative adeguate, si può passare alle fasi successive, ovvero quelle che prevedono la pianificazione di controlli interni e di controlli periodici. I primi riguardano un sistema in grado di verificare il reale livello di protezione in termini di dati aziendali. I secondi sono invece su scala aziendale, e devono essere pianificati con regolarità, così da permettere all’azienda di essere reattiva nel momento in cui dovessero emergere delle lacune.

Protezione dei dati aziendali e smartworking

Negli ultimi tempi si sente parlare sempre più spesso di smartworking, ovvero della possibilità di poter svolgere alcune attività lavorative senza necessariamente essere presenti nella sede aziendale. Lavorare da casa rappresenta una grande opportunità per le parti in gioco. Dalla parte del lavoratore, questo ha il vantaggio di potersi gestire in maniera autonoma il tempo, fermo restando il raggiungimento degli obiettivi prestabiliti.

Analizzando la situazione dalla parte dell’azienda invece, lo smartworking rappresenta anche un modo per risparmiare su determinate voci di spesa. Per comprendere meglio, basti pensare ai costi collegati all’energia elettrica per gli uffici, per la manutenzione, la pulizia, ed altri ancora. Ma se da una parte il lavoro agile offre degli innegabili benefici per tutti, dall’altra espone ad ulteriori rischi legati alla sicurezza ed alla perdita dei dati.

Questa situazione tra l’altro si è amplificata negli ultimi mesi in seguito all’emergenza sanitaria del Covid-19. Molte realtà imprenditoriali, soprattutto di piccole dimensioni, si sono ritrovate a fare i conti con un utilizzo massimo del lavoro agile, nonostante fino a poco tempo prima non ne avessero mai fatto applicazione. Questi rischi sono stati corsi attraverso un utilizzo scorretto dei dispositivi aziendali da parte del dipendente.

In altri casi abbiamo assistito ad un ricorso eccessivamente frettoloso ai dispositivi personali del collaboratore, normalmente sprovvisti di misure di sicurezza avanzate. Proprio per tutti questi motivi quindi, è compito del datore di lavoro fornire tutti i mezzi adeguati alle attività, o quantomeno gli strumenti anche formativi per consentire al dipendente di prestare la sua opera in sicurezza senza mettere a rischio i dati aziendali.

Protezione dei dati aziendali: in conclusione

A questo punto dovrebbe essere più chiara l’importanza di proteggere i dati aziendali, adottando le opportune misure di sicurezza. Come detto, possono presentarsi anche casistiche estreme dove una falla può condurre verso un blocco delle attività, o comunque ad un rallentamento. In alcune situazioni inoltre, il pericolo rischia di diventare davvero molto grande. Basti pensare a quelle organizzazioni che conservano i dati dei clienti. Da una parte tali dati hanno un valore inestimabile per l’azienda.

Ma questo valore è pienamente compreso anche da hacker e malintenzionati. Nel momento in cui dovessero entrarne in possesso, le conseguenze del furto potrebbero ricadere sulla clientela stessa, che a sua volta potrebbe decidere di rivalersi legalmente. A questo punto il danno diventerebbe di una portata catastrofica per l’azienda. Come detto, il tema della cyber security è davvero molto ampio da affrontare, e ancor più da mettere in pratica. In questi frangenti, l’unica soluzione plausibile è quella di ricorrere ad una società di consulenza IT.

Uno degli scopi dell’IT consulting infatti, è proprio quello di condurre per mano l’organizzazione nel corretto utilizzo delle apparecchiature tecnologiche presenti in azienda, oltre che di creare da zero le infrastrutture informatiche. Appare quasi ovvio come quello della sicurezza sia uno degli ambiti operativi di società di questo tipo.


RICHIEDI UNA CONSULENZA GRATUITA

Devi scegliere il software gestionale più adatto alle esigenze della tua azienda?

Noi di SELCO operiamo nel settore da oltre 35 anni e abbiamo vissuto in prima persona l’evoluzione tecnologica degli ultimi anni. Questa evoluzione ha portato le aziende a cercare un partner affidabile che potesse accompagnarle in questo percorso di crescita. Sul mercato esistono moltissime soluzioni “pronte all’uso” ma noi abbiamo scelto di specializzarci in software ERP gestionali custom creati su misura per ogni cliente.

Evolvi la tua azienda verso nuovi livelli di efficienza, organizzazione, controllo di gestione e, di conseguenza, marginalità.

Chiamaci 011 2741027 o invia una richiesta, ti ricontatteremo il prima possibile.